Chirurgia estetica, si fa ma non si dice?

Chirurgia estetica, si fa ma non si dice?

rtl-2

Sembra che la stragrande maggioranza delle persone si dica contraria alla chirurgia estetica. Come spiegare allora il sempre maggiore interesse riscosso dalla possibilità di correggere i propri difetti e sembrare più giovani? Me l’hanno chiesto su Rtl, a Linea Diretta, in un’intervista andata in onda l’1 settembre. La risposta, secondo me, è che spesso si riconducono alla chirurgia estetica visi e corpi tutt’altro che… estetici, perché innaturali. E ovviamente nessuna persona di buonsenso è a favore di risultati mostruosi. In mani oneste ed esperte, invece, la chirurgia estetica produce esiti armoniosi e naturali, che non rivelano il passaggio del bisturi. Ed è proprio questo ciò che i pazienti chiedono, sembrare particolarmente “in forma”, senza stravolgere il proprio aspetto.
In questo ambito si inseriscono gli interventi che fanno registrare un trend di crescita più marcato: l’addominoplastica, per una silhouette che mette in luce il punto vita, e la correzione della ginecomastia, il ritocco per lui che permette di eliminare dalla regione pettorale quelle rotondità spesso frutto di uno stile di vita sbagliato e alla base di un grande imbarazzo.

Scrivi a Marco Klinger

sei il primo

Scrivi a Marco Klinger


wpDiscuz

Questo sito fa uso di cookie. Continuando la navigazione accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono "permettere cookie" per offrirti una migliore navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora acconsenti a questo.

Chiudi