Focus sulle protesi al 6th EMEA Breast Care

Focus sulle protesi al 6th EMEA Breast Care

emea

emea

Il 23 e 24 maggio ho partecipato al 6 EMEA Breast Care Surgical Excellence Symposium, incontro sulla chirurgia mammaria che si è svolto presso il Johnson & Johnson Institute di Amburgo  alla presenza di alcuni tra i principali chirurghi plastici del mondo. L’occasione è stata preziosa per confrontare esperienze e strategie su un tema, le protesi, quanto mai di attualità in questo periodo. In seguito alla decisione dell’agenzia governativa francese ANSM di sospendere la commercializzazione delle protesi testurizzate e macrotesturizzate (cioè ruvide o molto ruvide), il legame tra protesi e sicurezza è stato ampiamente dibattuto, partendo dalla possibile correlazione tra gli impianti mammari e la comparsa di una rara forma di tumore, il linfoma analplastico a grandi cellule (BIA -ALCL, ovvero Breast Implant Associated – Anaplastic Large Cell Lymphoma ). Infine, il 16 maggio, il Ministero della Salute ha diffuso un comunicato sull’argomento, esprimendo una posizione che è la stessa degli Stati Uniti e di tutti i Paesi europei, ad eccezione appunto della Francia. La motivazione di base è riconducibile all’attuale non evidenza scientifica di correlazione causale fra questa patologia ed il tipo di protesi mammarie. Come si legge nel comunicato del Ministero, infatti, “In Italia l’incidenza riportata è pari a 2,8 casi su 100.000. Nello specifico in Italia sono stati registrati/riscontrati 41 casi di BIA ALCL. Di essi, solo 1 è risultato fatale per progressione di malattia”.

Scrivi a Marco Klinger

sei il primo

Scrivi a Marco Klinger


wpDiscuz

Questo sito fa uso di cookie. Continuando la navigazione accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. Leggi di più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono "permettere cookie" per offrirti una migliore navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora acconsenti a questo.

Chiudi