Chirurgia mammaria ad Altanta

Chirurgia mammaria ad Altanta

1

Il 24 e 25 gennaio 2020 ho partecipato, tra i pochissimi ospiti stranieri, al più importante congresso di chirurgia mammaria del mondo, il 36th Annual Atlanta Breast Surgery Symposium. Le mie relazioni, con chirurgia in diretta, erano focalizzate sul trattamento del seno tuberoso e su tutte le correzioni che si possono effettuare per via periareolare. Solo con una cicatrice attorno all’areola, infatti, si possono risolvere le anomalie mammarie (tra cui il seno tuberoso, cioè stretto e lungo), le asimmetrie (differenze di volume tra una mammella e l’altra), ma anche le ptosi, che si presentano con mammella cadenti per effetto dell’età o di gravidanza e allattamento. Il mio approccio a questi temi è completamente personalizzato e versatile. Utilizzo infatti tutte le tecniche a disposizione (dal rimodellamento della ghiandola al lipofilling, cioè l’autotrapianto di grasso) per “costruire” un cono mammario corretto e ben proiettato. Non importa il “punto di partenza”, ovvero quanto la mammella è malformata o quanto è cadente, l’importante è riuscire a garantire lo stesso punto d’arrivo, un seno di forma gradevole e completamente naturale. In alcuni casi, all’incisione attorno all’areola bisogna abbinarne una in verticale, fino al solco mammario.

Scrivi a Marco Klinger

sei il primo

Scrivi a Marco Klinger


wpDiscuz

Questo sito fa uso di cookie. Continuando la navigazione accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. Leggi di più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono "permettere cookie" per offrirti una migliore navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora acconsenti a questo.

Chiudi